Storia

Viaggia con noi attraverso 70 anni di storia di JUMO

Moritz Kurt Juchheim fonda l'azienda a Fulda con il nome di M. K. JUCHHEIM. JUMO GmbH & Co. KG inizia l'attività con 6 dipendenti su una superficie di produzione di 350 m², producendo termometri in vetro e con contatti. Il fondatore era nato il 4 luglio 1910 a Ilmenau, Turingia, dove suo padre produceva già termometri. Fin dall'inizio, Moritz Kurt Juchheim si è concentrato su strumenti di alta qualità fornendo ai clienti il miglior servizio possibile. Il nome JUMO deriva dalle iniziali del fondatore dell'azienda. Venite con noi in un viaggio nel tempo per scoprire la storia e la tradizione della nostra azienda.

Dai termometri in vetro ai sensori - da Fulda all'Europa

1949-1979

Ancora prima della fondazione dei due stati tedeschi, la fabbrica di termometri "M.K. Juchheim" viene fondata a Fulda ed espone alla fiera di Hannover nel 1949. Konrad Adenauer diventa cancelliere federale e negli anni del miracolo economico anche la società fiorisce. Nel 1952, il numero di dipendenti passò da 6 a 100, e nel 1970, questo numero era decuplicato. Anche l'area di produzione cresceva da 350 a 12.000 m².

Il 1966 vede l'inizio della produzione di sensori di temperatura in platino rivestiti in vetro e vengono aggiunti alla gamma anche dispositivi di misurazione e controllo a base elettronica. Mentre il mondo rimpiange lo scioglimento dei Beatles, Moritz Juchheim fonda la sua prima filiale in Belgio nel 1971, segnando l'inizio dell'internazionalizzazione. JUMO è stata la prima azienda a utilizzare i processori nella tecnologia di controllo nel 1978.


Nuovi sviluppi fino al robot

1980-1989

Mentre il "cubo di Rubik" di Erno Rubik diventa un cult, JUMO continua a sviluppare la sua gamma di prodotti e servizi, anche l'area dell'analisi dei liquidi viene ampliata.

E proprio mentre la Germania fa il tifo per il diciassettenne talento del tennis Boris Becker, Peter Juchheim, il figlio maggiore del fondatore dell'azienda Moritz e amministratore delegato al suo fianco dal 1965, viene a mancare nel 1985. Suo fratello minore e attuale direttore generale Dipl.-Ing. Bernhard Juchheim prende il suo posto. Nel 1989, l'anno della caduta del muro di Berlino, JUMO si evolve utilizzando per la prima volta i Robot nel rilevamento della temperatura.


Crescita globale grazie all'alta tecnologia

1990-1999

Il governo tedesco si trasferisce da Bonn alla vecchia e allo stesso tempo nuova capitale Berlino, e il dipartimento di sviluppo di JUMO si trasferisce in un nuovo edificio. Nel corso degli anni, questo produce dispositivi high-tech, sistemi di controllo dei processi, trasmettitori intelligenti, tecnologia bus e software di visualizzazione all'avanguardia. Così, nel 1997, il sistema di automazione JUMO mTRON arriva sul mercato.

Dopo la fondazione del centro di formazione JUMO nel 1995, la famiglia Juchheim deve accettare un'altra perdita: nel 1996, il fondatore dell'azienda Moritz Juchheim muore.


Sistemi di automazione, nuovi target e nuovi mercati

2000-2009

Il nuovo millennio inizia per JUMO con un record: l'azienda raggiunge per la prima volta un fatturato di oltre 100 milioni di euro. Quando anche la moneta europea viene introdotta come denaro contante nel 2002, JUMO inaugura il nuovo edificio di vendita e produzione per la linea di prodotti della tecnologia dei sensori di temperatura con una superficie totale di 4.680 m² nel parco industriale Eisweiher.

Nel 2003 il marchio JUMO diventa il nome dell'azienda e Dipl.-Kfm. Michael Juchheim diventa amministratore delegato insieme a suo padre Bernhard. JUMO cresce nei mercati dell'Asia e dell'Europa dell'Est ed è in grado di servire nuovi clienti con sistemi di automazione completi.


Espansione e crescita

2010-2020

Mentre il decennio volge al termine, JUMO impiega ora più di 2.000 persone in tutto il mondo e continua ad espandersi. La certificazione del laboratorio DKD da parte della Deutsche Akkreditierungsstelle GmbH (DAkkS) apre la gamma di nuovi servizi. Il nuovo centro logistico per le merci in arrivo viene aperto nel 2012, e nel 2013 viene acquistato un terreno di 100.000 m² per un nuovo stabilimento per la produzione di sensori.

Nel 2016, JUMO fa la sua unica acquisizione fino ad oggi e rileva PGT Thermprozesstechnik GmbH. L'azienda è specializzata nella produzione di innovativi sensori di temperatura in plastica ed è un partner di sistema di lunga data di JUMO. JUMO ha ricevuto diversi premi per la sua crescita superiore alla media e come datore di lavoro esemplare.

Nel 2020, Dimitrios Charisiadis viene nominato terzo amministratore delegato. È responsabile di "Vendite, sviluppo e produzione". Bernhard Juchheim sarà responsabile per le "Risorse Umane", Michael Juchheim per "IT e Finanza".